loader
loader

Per il triennio 2024-2026 mezzo miliardo di euro per incentivare la transizione energetica verso le rinnovabili

Il ministero dell’Ambiente e della Sicurezza Energetica (MASE) ha deciso di stanziare per il triennio 2024-2026 una somma pari a 502 milioni di euro, finalizzata alla promozione di ricerca e sviluppo di tecnologie energetiche innovative (rinnovabili, accumulo, idrogeno e nucleare).

Il ministro Pichetto ha ufficializzato la decisione firmando il decreto il 17 novembre. “Il nostro impegno per sostenere la transizione energetica del Paese – ha dichiarato Pichetto – si rafforza ulteriormente con un consistente aumento di risorse pubbliche dedicate al sostegno della ricerca e dell’innovazione di tecnologie pulite per contenere le emissioni climalteranti”.

Il decreto stabilisce le attività e le modalità attuative del programma internazionale “Mission Innovation”, a cui l’Italia aderisce assieme ad altri 24 Paesi.

Di seguito, la suddivisione delle risorse:

  • 182 milioni assegnati alle rinnovabili, alle tecnologie di rete elettriche e allo stoccaggio dell’energia con l’obiettivo di integrare efficacemente le energie rinnovabili intermittenti, come l’eolico e il solare, nel mix di generazione, mantenendo i sistemi stessi economicamente efficienti, sicuri e resilienti;
  • 118 milioni all’idrogeno rinnovabile, per aumentarne la competitività economica e l’uso in sicurezza attraverso il sostegno alle attività di ricerca, sperimentazione e realizzazione di prototipi industriali;
  • 135 milioni dedicati al settore nucleare, prevedendo la realizzazione di attività di ricerca e sperimentazione sui piccoli reattori modulari di terza e quarta generazione nel breve-medio periodo e sulle tecnologie di fusione per il lungo periodo; in questo ambito, una quota delle risorse sarà utilizzata specificatamente per attività di formazione, con l’obiettivo di rafforzare le competenze professionali, tecniche e specialistiche in questo settore;
  • 36 milioni a progetti trasversali che coinvolgono ambiti comuni, quali materie prime critiche e materiali avanzati, elettrolizzatori, bioidrogeno, biocarburanti e integrazioni con le reti;
  • 11 milioni di euro andranno ai progetti internazionali finalizzati a garantire la cooperazione industriale e la collaborazione con le principali istituzioni del settore energetico.

Come verrà attuato il programma “Mission Innovation”?
Il MASE ha previsto la pubblicazione di bandi di gara, rivolti ad organismi di ricerca e imprese.

Perché scegliere Isoterma?

In qualità di società ingegneristica specializzata nella progettazione e realizzazione di impianti industriali a biomassa e fotovoltaici, siamo pronti ad assisterti in tutte le fasi del processo. Dall’ottenimento degli incentivi e presentazione della domanda per aderire ai bandi, fino alle fasi di installazione, siamo il partner fidato che ti servirà per rendere il tuo business più sostenibile e conveniente.

La nostra esperienza comprovata nel settore include oltre 180 MW di impianti fotovoltaici installati nel nord Italia, un risparmio di 1.200.000 tonnellate di CO2 e un risparmio di 130 miliardi di euro in bolletta, che nel complesso hanno trasformato le aziende dei nostri clienti in leader nell’energia verde.

Ti offriamo assistenza nell’iter burocratico, per guidarti attraverso la complessa procedura di ottenimento degli incentivi, garantendo che tu possa accedere a tutte le risorse disponibili e massimizzare il tuo investimento. La progettazione personalizzata è un altro vantaggio che offriamo, creando impianti su misura per le tue esigenze specifiche, ottimizzando l’efficienza energetica e massimizzando i rendimenti.

La nostra squadra di esperti altamente qualificati si occuperà di tutti gli aspetti dell’installazione, garantendo risultati di alta qualità e rispettando rigorosamente i tempi stabiliti.

Chiama il numero +39 3452946951 o contattaci via mail all’indirizzo commerciale@isoterma.it 

Richiedi una consulenza gratuita!